REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Central Park

Inviato il 19/03/2021 | di CLASSE4SIA

Descrizione

Il CENTRAL PARK di Lanciano è in fase di ristrutturazione, si attende ancora in tempi brevi la definitiva consegna del consolidamento e della sua riqualificazione. Il progetto scelto rispecchia esattamente la nostra intenzione: ristrutturare un’area poco curata al fine di utilizzarla al meglio. Monitoreremo il proseguimento delle attività per una valorizzazione del progetto.
Per l’appunto ci auguriamo al più presto l’ultimazione e la vivibilità del luogo. Questo lavoro programmato nella sua completezza per il 7 Ottobre 2020,è in ritardo e con qualsiasi accesso vietato sia sul percorso che sulla pista non ancora completati. Ciò che si riesce ad ammirare dal di fuori della rete è uno scorcio poco suggestivo, poiché si nota l’incompletezza dei lavori, magari rallentati anche dalla malattia pandemica, che non permettono la vivibilità di un’area così necessaria in un periodo particolare come quello che stiamo vivendo.
L’ente appaltante è il Comune di Lanciano;
L’impresa esecutrice è Endil Rental Group S.r.l. di Fano.
Teniamo particolarmente a tutto ciò perché vogliamo che Lanciano diventi più rigogliosa sfruttando al meglio le sue risorse.

Abbiamo scelto per un motivo prevalentemente logistico e di residenza il rifacimento di un’area urbana chiamata Central Park situata in Lanciano.
Con questo progetto infatti pensiamo di dare più valore al polmone verde della nostra città.
Diverrà un parco adatto a tutti, grandi e piccini, dove nel rispetto delle nostre tradizioni e con uno sguardo al futuro potremmo trascorrere il nostro tempo libero.
La costruzione di una pista ciclabile di 600 metri a doppio senso e di un percorso pedonale, dalla fine del corso Trento e Trieste sono spazi dedicati al fitness e la nuova piazza che verrà realizzata insieme al prolungamento del Corso per 160 metri, previsto nello spazio in cui attualmente insiste il campo di calcio in erba sintetica che sarà smantellato, andrà a collegare e rendere fruibile un’area che diventerà una nuova piazza non pavimentata da 5.500 mq che ha i requisiti e la forma di una cavea, destinata anche ad ospitare spettacoli e manifestazioni all’aperto di grande impatto. Alla gradinata rinnovata di recente che si trova di fronte quest’area, verranno aggiunti tre livelli di gradini per aumentare lo spazio a disposizione e annullare la separazione della cavea con la gradinata. 
Sono previsti interventi di demolizione e messa in sicurezza dell’area, con l’abbattimento dei vecchi box per cavalli e delle tre casette nell’area della gradinata e la bonifica delle coperture in amianto, nonché la rimozione di tutte le recinzioni ed opere in ferro. Il campo di calcio verrà rimosso, così come gli impianti di illuminazione sia del campo che dell’ex ippodromo.
Sarà rinnovato completamente l’impianto elettrico e l’illuminazione dell’intero parco, che vedrà aumentare i punti luce con l’illuminazione dell’intero percorso ciclopedonale e del prolungamento del Corso.
L’intenzione e lo scopo del progetto è quello di rendere tale luogo più bello e godibile, con la creazione di uno spazio di aggregazione aperto a tutti, sicuro e accogliente.

Avanzamento

Doveva essere uno spazio di aggregazione aperto a tutti, e invece è ancora un cantiere. Ciò che si riesce ad ammirare dal di fuori della rete è l’incompletezza dei lavori, forse rallentati anche dalla malattia pandemica. Questo parco doveva rappresentare il polmone verde della città, ma è in stato di abbandono e se i lavori fossero stati completati in tempo, sopratutto in questo momento di emergenza, sarebbe stato molto utile come spazio anche per mantenere il distanziamento. Nella zona circoscritta si trovano: innumerevoli rifiuti gettati a terra, appositi contenitori stracolmi di spazzatura, pista ciclopedonale completamente abbandonata, erbacce e rovi dappertutto.

Risultati

Non è stato possibile valutare l’efficacia dell’intervento - Es. il progetto non ha ancora prodotto risultati valutabili

I lavori sono bloccati, gli accessi vietati e il parco è in stato di abbandono.

Punti di debolezza

Progetto incompiuto e amministrazione comunale che non rispetta le promesse fatte, in aggiunta abbiamo inviato numerose e-mail per incontri vari non ricevendo alcuna risposta.

Punti di forza

Posizione centrale nella città di Lanciano facilmente raggiungibile, polmone verde per la città, esteso sentiero con piste ciclabili e podistiche, parchi giochi per bambini, prati utilizzabili per numerosi sport, zone adibite a rappresentazione teatrali.

Rischi

Pensiamo che il lavoro non venga portato a termine in tempi brevi e non ne conosciamo nemmeno il motivo. Considerando che i finanziamenti sono stati già liquidati auspichiamo la realizzazione dello stesso nel più breve tempo possibile.

Soluzioni e Idee

Maggiore interesse da parte dell'opinione pubblica per sollecitare la realizzazione del lavoro.
Ricorso alla stampa locale e non (già fatto) per pubblicizzare l'inefficienza operativa dei responsabili.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video

Causa pandemia e la qualifica di zona rossa della città di Lanciano, dove è situato il parco, tutti i nostri tentativi di interpellare, chiedere e avere incontri online effettuati tramite e-mail, sono stati disattesi.

Domande principali

Le 2 domande che avremmo fatto ai responsabili sarebbero state:
1) Se la liquidazione delle spese è stata fatta, perché i lavori sono bloccati?
2) La conclusione dei lavori quando avverrà?

Risposte principali

Nessuna risposta data.