REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Abbazia di Corazzo (Carlopoli) Progetto di restauro, consolidamento e valorizzazione

Inviato il 27/01/2022 | Di Giuseppe Chiellino | @chigiu

Cosa abbiamo scoperto

Descrizione

La costruzione dell'Abbazia di Corazzo, nel comune di Carlopoli (Catanzaro) nei pressi del fiume Corace, risale all'XI secolo. Fondata dai Benedettini, passa ai Cistercensi che la ricostruiscono nel secolo successivo. Qui Gioacchino da Fiore prese i voti, diventò abate e scrisse le sue opere principali.Fu definitamente abbandonata nel XVIII secolo dopo il disastroso terremoto del 1783. I suoi ruderi oggi sono meta di molti visitatori. Un progetto di restauro e valorizzazione è stato finanziato con 1,2 milioni di euro nel 2020.

Avanzamento

Il progetto non è ancora partito e risulta bloccato. Frettolosamente presentato da una amministrazione comunale in scadenza, è stato contestato dall'amministrazione subentrata e da altri portatori di interessi fino a coinvolgere il Ministero dei beni culturali con una interrogazione parlamentare. Tramite la Soprintendenza , il ministero "ha inviato una nota al comune di Carlopoli il 22 febbraio 2021 chiedendo di riformulare la progettazione proposta e specificando che, in attesa di quanto richiesto, il procedimento è da considerarsi sospeso". A novembre 2021 non risultava alcun nuovo progetto.

Risultati

Punti di debolezza

La scarsa capacità amministrativa dell'ente locale; la litigiosità tra vecchi e nuovi amministratori; interesse personale di soggetti esterni interessati ad avere un ruolo nel progetto; contenzioso con vecchi progettisti estromessi: tutti fattori che hanno messo in secondo piano l'obiettivo principale di restaurare e valorizzare un bene culturale di interesse regionale.

Punti di forza

Rischi

Il rischio principale è un allungamento dei tempi abnorme e la conseguente perdita del finanziamento e quindi la rinuncia definitiva al progetto di restauro, l'abbandono e il disinteresse. Mentre era in corso il contenzioso sul progetto del 2020, l'Enel ha rinnovato una linea elettrica a ridosso delle mura dell'Abbazia deturpandone la vista. nonostante l'intervento della Soprintendenza e del comune, la linea elettrica e i pali sono ancora lì.

Soluzioni e Idee

Trasferire l'abbazia di Corazzo dal Comune alla Soprintendenza

Metodo di indagine

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con i soggetti che hanno programmato l'intervento (soggetto programmatore)
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

Il sindaco del Comune di Carlopoli; l'ufficio tecnico dello stesso Comune; Soprintendente Archeologia e belle arti Cz e Cs

Domande principali

Al Sindaco e all'Ufficio tecnico:
1) A che punto è l’elaborazione del nuovo progetto di restauro dell’abbazia, come richiesto a febbraio 2021 dalla Soprintendenza Archeologia belle arti e paesaggio per le province di Catanzaro e Crotone;
2) A quale studio professionale è stato affidato il compito di riformulare il progetto e con quale mandato, anche temporale;
3) A che punto è l’interlocuzione con la Regione Calabria per la proroga del finanziamento da 1,2 mln di euro per l’intervento di restauro dell’abbazia;
4) Se è stato definito, come chiesto dalla Soprintendenza, il tracciato per interrare la linea elettrica Enel, attualmente a ridosso del sito archeologico.

Al Soprintendente:
1) ha ricevuto il nuovo progetto di restauro di Corazzo?
2) cosa intende fare per la linea elettrica posta a ridosso dei ruderi dell'abbazia?

Risposte principali

Il sindaco: "si rivolga all'ufficio tecnico"
L'ufficio tecnico: nessuna risposta
Soprintendente:
1) No, non lo abbiamo ancora ricevuto
2) Abbiamo chiesto al Comune di indicare il tracciato per interrare la linea elettrica ma non ci hanno ancora risposto