REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
MUSEO DEL PARCO ARCHEOLOGICO DI SEGESTA - RESTAURO,VALORIZZAZIONE ED ADEGUAMENTO IMPIANTISTICO

Inviato il 18/03/2019 | Di ASOC1819_036 | @ElimiIl

Cosa abbiamo scoperto

Descrizione

Monitoraggio del restauro e valorizzazione del Museo del Parco Archeologico di Segesta finalizzato ad aumentare l’attrattività turistica

Avanzamento

Il progetto, dopo l'erogazione e lo svolgimento del primo stralcio, si trova in una fase di stallo causatoda ragioni di ordine politico. A detta della Dirigenza, nel passaggio da un governo all'altro, si sarebbero interrotte le liquidazioni in attesa del decreto "Sblocca Cantieri".

Risultati

Il progetto risulta in stallo. Ad oggi sono stati unicamente realizzati dei lavori di miglioramento della viabilità per l'accesso al teatro, dell'innovazione degli impianti di illuminazione e l'installazione di sistemi di videosorveglianza del sito. Relativamente alla realizzazione del museo, fine principale del progetto, ad oggi non risulta iniziato e il copioso patrimonio archeologico del parco permane stipato in magazzini non fruibili.

Punti di debolezza

Non sembra ci sia una convinta volontà di completare il progetto museale; probabilmente a causa di scarsa volontà politica. Il parco infatti, pur godendo di autonomia amministrativa, dipende ancora da Regione e Stato per i fondi.

Punti di forza

Risulta assolutamente positiva l'ipotesi di realizzare un nuovo museo con il copioso patrimonio di reperti rinvenuti in situ. I lavori già realizzati sono positivi sia perché consentono una migliora illuminazione e un risparmio energetico sia perché migliorano lo spazio di manovra per i bus che ascendono al teatro.

Rischi

Come suddetto rimangono delle perplessità sulla reale volontà di portare a compimento il museo, senza così perdere i finanziamenti europei prima della scadenza.

Soluzioni e Idee

Dato lo straordinario valore artistico e archeologico di Segesta, si suggerisce più che altro di accelerare il completamento del polo museale, anche al fine di aumentare l'offerta culturale e turistica del territorio.

Risultati e impatto del monitoraggio

Diffusione dei risultati

  • Twitter
  • Facebook
  • Instagram
  • Eventi territoriali organizzati dai team
  • Settimana dell'Amministrazione Aperta
  • Volantinaggio o altri metodi off-line (non via Internet)
  • Interviste ai media

Connessioni

Contatti con i media

  • TV Locali
  • Altro

Contatti con le Pubbliche Amministrazioni

  • Risposte generiche

Descrizione del caso

Ad oggi l'erogazione del secondo stralcio del finanziamento risulta bloccato dal Governo centrale, per cui l'ente gestore non si dice in grado di prevedere il completamento del progetto.

Metodo di indagine

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

Sindaco del comune di Calatafimi-Segesta, Dott. Vito Sciortino
Direttore del parco Archeologico di Segesta, Dott.ssa Rossella Giglio
Architetto Antonella Ricotta, funzionario amministrativo del parco

Domande principali

1) Che cosa ci dice riguardo lo stato di avanzamento dei lavori? (Dott.ssa Rossella Giglio)
2) Perché sul sito di Opencoesione il finanziamento appare parzialmente erogato? (Dott.ssa Rossella Giglio)
3) Cosa è stato realizzato concretamente con il finanziamento erogato per il primo stralcio? (Arch. Antonella Ricotta)

Risposte principali

1) Non sono cominciati né i lavori né le gare d’appalto e non è nemmeno certo il finanziamento ricevuto. Il governo Renzi ha inserito il progetto nella lista del “Patto per il Sud” emanato nel 2016 e non si sa cosa verrà stabilito dal nuovo governo.
2) Questo non si sa; il progetto è stato diviso in due stralci: il primo riguarda la viabilità dell’agorà e l’illuminazione del tempio, il secondo i lavori su Case Barbaro ed il museo. Il secondo stralcio, a differenza del primo, non è ancora stato finanziato.
3) Il sistema di illuminazione per il teatro e per il tempio è stato rinnovato, è stato realizzato in cima al monte Barbaro uno slargo funzionale all’inversione di marcia dei bus che portano gli spettatori al teatro durante gli spettacoli estivi e migliorate le strade di accesso.