REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Recupero e riqualificazione fascia costiera della periferia sud di Reggio Calabria

Inviato il 25/02/2020 | di dfL6_19-20_0111

Descrizione

Il nostro Team Costal Environment, ha scelto di monitorare i finanziamenti assegnati per la riqualificazione della fascia costiera della periferia sud.
Il litorale reggino versa da tempo in situazioni critiche a causa dell’erosione delle spiagge da parte del mare. Ben poco è stato ed è l’interessamento da parte degli Enti competenti che hanno sottovalutato un problema che sta mettendo a dura prova le nostre coste.
Spiagge come quelle di Saline Joniche, Riace, Lazzaro, Bocale, Pellaro e San Gregorio sono ormai quasi scomparse, inghiottite dal mare in tempesta. Per consentire il ripascimento delle nostre spiagge è stato presentato e finanziato il Progetto di riqualificazione del litorale Sud della città di Reggio Calabria che è stato avviato nel 2008 ma non è stato ancora portato a termine, nonostante la scadenza progettuale fosse stata fissata al 30 giugno 2011.
I fondi messi a disposizione sono 4.514.249,08 di euro, di cui la maggior parte proviene dall’Unione Europea (70%) e il restante 30% proviene dalla Regione Calabria e dal Fondo di Rotazione Nazionale. In tre anni si prevedeva di mettere a nuovo le meravigliose aree di balneazione reggine proteggendole dall’erosione, nel tentativo di preservarle nel tempo. Ad oggi solo una parte dei lavori è stata realizzata, come dimostra lo stato di avanzamento dei pagamenti fermo all'81% della cifra totale stanziata.
Il team Costal Environment vuole valutare le ricadute ambientali ed economiche sulla città di Reggio Calabria del recupero e della riqualificazione della fascia costiera della Periferia Sud, situata in una posizione paesaggistica emozionante e di grande impatto visivo!

Il progetto fa parte del Piano di Sviluppo Urbano approvato dalla Giunta Comunale del Comune di Reggio Calabria che ha l'obiettivo di pianificare le azioni di intervento sul tessuto urbano della città di Reggio Calabria.

Avanzamento

Costo pubblico del progetto€ 4.514.249,08
Pagamenti effettuati € 3.675.260,03 pari all'81% del costo totale
Delibera di G.M. N° 705 DEL 27/10/2006 è stato approvato il progetto definitivo/esecutivo relativo ai lavori di “Recupero e valorizzazione della fascia costiera da Punta Pellaro a San Gregorio – Interventi n°19 dei PSU;
Indizione gara d’appalto con D etermina del 31/10/2006 per i lavori di Recupero e valorizzazione della fascia costiera da Punta Pellaro a San Gregorio;
Contratto di Appalto rep. n°33548 del 17/09/2007 tra il Comune di Reggio Calabria e l’Associazione temporanea d’impresa composta da S.I.L.E.M. srl e dalla GE.COS. SpA - Generali Costruzioni per l’importo di £ 2.753 .862,80;
Verbale di consegna lavori del 23/01/2008 con indicazione della data di ultimazione dei lavori nel giorno 10 agosto 2009;
Certificazione di consegna dei lavori in data 13 giugno 2011. Si sottolinea, inoltre, che i lavori di riqualificazione hanno subito due battute di arresto e due richieste di proroga da parte della ditta appaltatrice con conseguenziale ritardo nella consegna delle opere. Non siamo riusciti a sapere il motivo, tecnico o amministrativo, dei ritardi e delle proroghe. E comunque l'importante è che i lavori commissionati, anche se in ritardo, siano stati ultimati.
Dai documenti sopra riportati si desume che solo una parte del finanziamento è stato utilizzato per realizzare i lavori dati in appalto il 17/09/2007 e consegnati il 13/06/2011. Altri interventi si sarebbero potuti realizzare visto che i pagamenti effettuati dall'UE all'Ente attuatore sono pari all'81% della somma totale finanziata.

Risultati

Intervento utile ma presenta problemi - Ha avuto alcuni risultati positivi ed è tutto sommato utile, anche se presenta anche aspetti negativi

Avremmo voluto recarci sul litorale di Bocale e di Punta Pellaro ma il lockdown predisposto dal nostro Governo ci ha impedito di attuare il nostro proposito. Nonostante ciò ci siamo riuniti in videocollegamento su Meet ed abbiamo confrontato i ricordi che ognuno di noi aveva sullo stato delle spiagge di Bocale e Pellaro durante l'estate 2019. Infatti, noi ragazzi siamo i primi fruitori delle spiagge e del mare nei periodi estivi e quasi tutti frequentiamo il litorale sud perchè vicinissimo alla città e facilmente raggiungibile anche in treno. Confrontandoci abbiamo capito che il sopralluogo lo avevamo già fatto durante tutte le estati passate a crogiolarci al sole. Siamo tutti d'accordo nel ritenere che il progetto non è ancora stato portato a termine. Le opere a tutela del litorale sud di Reggio Calabria finora realizzate hanno soltanto ritardato il fenomeno erosivo del mare e consentito un parziale e naturale ripascimento delle spiagge. Sicuramente sono riuscite a fornire adeguata protezione dalle mareggiate alle case costruite a ridosso delle spiagge. Ma purtroppo il mare è libero nel suo continuo divenire e non tollera restrizioni! Di conseguenza le sue onde continuano e continueranno ad abbattersi sui tratti di costa non protetti da barriere frangiflutti o altre opere.

Punti di debolezza

Il progetto, nonostante la sua efficacia, ci sembra che rappresenti soltanto una piccola goccia nel mare dei problemi causati dall'erosione costiera. Si dovrebbero pianificare, e d'altronde la legge lo prevede, azioni di intervento integrate e coordinate tra gli Enti pubblici preposti con un unico obiettivo di medio-lungo periodo: salvare il nostro AMBIENTE.

Punti di forza

Il progetto mirava a riqualificare la costa salvaguardandola nel tempo dall'azione erosiva del mare. Le opere messe a punto per proteggere la costa appaiono comunque valide anche se tanto è rimasto da fare. Barriere frangiflutti e soffolte sono sicuramente ottime soluzioni tampone per limitare i danni delle mareggiate.

Rischi

Se non si interverrà con opere ecosostenibili e una buona dose di rispetto per l'ambiente il mare cancellerà il litorale sud di Reggio Calabria.

Soluzioni e Idee

L'intervento per salvare il litorale dall'erosione del mare dovrebbe essere supportato da un'opera di sensibilizzazione della comunità reggina,e non solo, sulle conseguenze ambientali ed economiche del fenomeno erosivo.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web

Il team aveva pianificato un'intervista con i soggetti che avevano programmato l'intervento ma, a causa della sospensione delle attività didattiche e della successiva chiusura delle scuole per l'emergenza COVID19, non è stato possibile realizzarle. Abbiamo voluto, comunque, realizzare un video che documenta, attraverso immagini di repertorio, lo stato del litorale sud prima e dopo i fenomeni erosivi.

Domande principali

Risposte principali