REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
RIPRISTINO LINEA PALERMO-TRAPANI VIA MILO

Inviato il 25/02/2021 | di Viacoltreno2.0 | @Viacoltreno2.0

Descrizione

L'opera che il nostro team ha scelto di monitorare è la tratta ferroviaria Palermo-Trapani via Milo. Questa ferrovia è sempre stata la fondamentale linea di collegamento tra le due città ma, a causa di una frana, dal 2013 se ne utilizza una decisamente più lunga. Noi crediamo che sia necessario l'efficace e rapido collegamento fra i due comuni, attraverso anche il riammodernamento della tratta.

Avanzamento

La tratta ferroviaria è stata bloccata dal 2013 a causa di una frana. Il progetto di ripristino è subito passato in parlamento e, dopo essere stato al centro di interrogazioni parlamentari e di discussioni nelle commissioni, risulta fermo fino al 2018 quando il progetto doveva essere sottoposto al parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, il massimo Organo tecnico consultivo dello Stato. Di recente è stato nominato un nuovo commissario straordinario ai lavori , Filippo Palazzo, che avrà poteri tali da consentire una decisiva accelerazione al progetto.

Risultati

Non è stato possibile valutare l’efficacia dell’intervento - Es. il progetto non ha ancora prodotto risultati valutabili

Dalle nostre interviste ai referenti politici e dalle ricerche effettuate, siamo venuti a conoscenza che il progetto, allo stato attuale, risulta essere pronto per dare inizio ai lavori. Inoltre è stato nominato di recente commissario il Dott. Filippo Palazzo, che avrà poteri straordinari nell'esecuzione dell'opera

Punti di debolezza

Abbiamo riscontrato difficoltà nel reperire informazioni recenti sullo stato attuale dell'iter di progetto, problema già riscontrato da altri esperti e giornalisti che si sono interessati all'opera e che abbiamo intervistato. Inoltre, nonostante i diversi tentativi effettuati, c'è da sottolineare il vuoto e l'assenza di risposta (MURO DI GOMMA) da parte dei responsabili RFI dell'opera. Dopo richiesta formale da parte del nostro team supportata da Europe Direct e dopo i numerosi tentativi telefonici effettuati, non abbiamo ricevuto né risposta e quindi neanche l'opportunità di un incontro.

Punti di forza

Il progetto risulta essere molto apprezzato e desiderato da parte dei futuri utenti. Abbiamo fatto numerose interviste, fra questionari online e in presenza, ed abbiamo riscontrato che la quasi totalità delle persone intervistate è totalmente favorevole al ripristino della tratta. Il nostro Team, pertanto, è felice di lavorare ad un progetto che sarà utile per migliorare la vita dei numerosi pendolari, turisti e dei cittadini di tutti i comuni del territorio, sempre nel rispetto dell'ambiente.

Rischi

Dalle nostre interviste, possiamo finalmente affermare che non ci dovrebbero più essere rischi futuri per la realizzazione dell'opera, anzi, adesso, con la nomina del commissario straordinario, si potranno avviare i lavori. Egli, infatti, godrà di poteri straordinari che gli consentiranno di superare gli ultimi ostacoli burocratici e di velocizzare l'esecuzione dell'opera.

Soluzioni e Idee

Sicuramente una delle nostre proposte per il progetto è l'attenzione alla sostenibilità ambientale. Proponiamo quindi di creare uno spazio apposito nei vagoni dove possono essere disposte le bici, così da incentivarne l'uso. Un'altra proposta che mettiamo in evidenza è la rimodulazione delle stazioni. Pensiamo che sia più utile avere poche stazioni mirate nei grandi centri, che consentiranno un'accelerazione della tratta. Infine abbiamo pensato essere vantaggioso sponsorizzare i nostri prodotti locali all'interno delle stazioni, magari con delle piccole esperienze. Ciò potrebbe essere molto gradito al turista.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con altre tipologie di persone
  • Intervista con i referenti politici

Dottor Galatioto, giornalista che si è interessato dell'opera;
Onorevole Orrù, ex-senatrice che si è direttamente interessata dell'opera nel 2013, anno cruciale per il progetto;
Onorevole Sant'Angelo, senatore attualmente in carica
Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani;
Architetto D'Angelo, consulente del comune di Trapani;
Pendolari che utilizzano la tratta ferroviaria.

Domande principali

1) Saprebbe descriverci l'iter progettuale dell'opera e il suo attuale stato dei lavori?
2) Questo è l'anno delle ferrovie, per cui si cerca di incentivarne l'utilizzo grazie al loro basso impatto. Quanto spazio sarà data alla sostenibilità ambientale ?

Risposte principali

1) Nel 2013 il progetto viene discusso nelle commissioni e nel parlamento stesso con delle interrogazioni. Nel 2015 nella commissione trasporti, si vota il programma di interventi di RFI. Il ripristino viene stimato in 68 milioni, ma l'intervento non era prioritario. Molto tempo dopo, l'intervento viene rivalutato, ma non diventa comunque ancora una priorità assoluta. L'iter progettuale si ferma nel 2018, ma ad oggi viene nominato un commissario straordinario.
2) Il progetto promuove la sostenibilità ambientale. Inoltre la riapertura garantirebbe un collegamento veloce tra i due capoluoghi. Infine è necessario citare il nuovo Ministero per la transizione ecologica e i fondi del Piano Nazionale Recupero e Resilienza che insieme potranno diventare responsabili di una maggiore attenzione alla questione della sostenibilità ambientale.