REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
PO FESR SICILIA 2007/2013 - LINEA D’INTERVENTO 2.3.1.8 - REALIZZAZIONE AREE DI PROTEZIONE CIVILE IN PROVINCIA DI AGRIGENTO - LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UN'AREA DI ATTESA, DI AMMASSAMENTO E DI RICOVERO PER GESTIONE EMERGENZE DI PROTEZIONE CIVILE CENTRO POLIFUNZIONALE DI P.C. VIA PANEPINTO

Inviato il 3/03/2021 | di Bread & storm | @StormBread

Descrizione

Il progetto che abbiamo scelto di monitorare è un’area polifunzionale, gestita dalla protezione civile, che può fungere da luogo di ammassamento, smistamento e ricovero in caso di calamità. L’area è tuttora, nel nostro comune, di importanza cruciale nella lotta contro la pandemia in corso. Sapere come funziona e conoscere la sua storia ci sembra fondamentale per capire che cosa succede intorno a noi e in che misura possiamo ritenerci al sicuro nel caso in cui dovessero verificarsi calamità di ogni genere.

La ristrutturazione e il riallestimento dell’area da noi monitorata fa parte di un piano regionale di riqualificazione delle infrastrutture, finanziato con i fondi FESR 2007/2013. Nel nostro caso si tratta di un potenziamento della prevenzione e della sicurezza in relazione al rischio idrogeologico.

Avanzamento

Il progetto è stato terminato con successo nel 2015.

Risultati

Intervento molto utile ed efficace - Gli aspetti positivi prevalgono ed è giudicato complessivamente efficace dal punto di vista dell'utente finale

L'area polifunzionale è stata fondamentale per la comunità, perché ha dato un grandissimo apporto alla gestione dell'immigrazione clandestina, frequentissima nell'ultimo decennio lungo le nostre coste. E' stata luogo di primo soccorso per migliaia di migranti disidratati che da giorni non vedevano nient'altro che mare o la stiva di un barcone; inoltre adesso è stata allestita per eseguire tamponi e a breve fungerà da centro per la vaccinazione.

Punti di debolezza

Non vi sono state grosse difficoltà; per motivi burocratici l'opera è stata conclusa con ventuno giorni di ritardo, ma, a parte questo, tutto è avvenuto con ordine secondo il progetto.

Punti di forza

Durante il monitoraggio abbiamo apprezzato la valenza del progetto per tutta la comunità. La Protezione Civile mira a responsabilizzare il cittadino affinchè diventi consapevole dei rischi che lo circondano e impari a diventare attivo nella prevenzione dei pericoli per se stesso e per la propria comunità.

Rischi

Non vi sono rischi che potrebbero minacciare l'intervento che è stato condotto a buon fine, purchè vi sia senso civico e non si abbandoni all'incuria.

Soluzioni e Idee

La struttura potrebbe essere ammodernata e dovrebbe avere altri mezzi in dotazione per offrire primo soccorso.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con l'Autorità di Gestione del Programma
  • Intervista con altre tipologie di persone

Abbiamo intervistato l'attuale capo della Protezione Civile e un altro membro ormai in pensione che ha vissuto la realizzazione del progetto dall'interno. Ci siamo poi rivolti ad un responsabile della Croce Rossa.

Domande principali

Abbiamo chiesto loro a quali emergenze non si poteva far fronte prima che fosse realizzata l'area e quale fosse stato il suo maggior impiego.

Risposte principali

Ci hanno risposto che mancava un centro nevralgico della Protezione Civile che potesse fungere da quartier generale e da area polifunzionale per far fronte a molteplici emergenze. Inoltre mancava un' area che potesse ospitare ed offrire primo soccorso ai migranti in attesa che fossero smistati verso altri luoghi di accoglienza. L'area è stata impiegata in molteplici situazioni, ha ospitato più volte migranti ed è un centro di esecuzione dei tamponi, inoltre a breve sarà terminato l'allestimento per far sì diventi un centro di vaccinazione.