REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
UN SISTEMA INTERREGIONALE DI MONITORAGGIO DEI GHIACCIAI PER LA REGIONE ALTO ADIGE-TIROLO

Inviato il 15/03/2021 | di Ice keepers | @Ice_Keepers

Descrizione

Il progetto proposto presenta un sistema per un monitoraggio operativo interregionale dei ghiacciai, con particolare attenzione alle esigenze delle organizzazioni degli utenti nel campo dell'idrologia, dei rischi naturali, dell’economia idrica e della e-economy, dell'agricoltura e del turismo. A tal fine, da un lato verranno coordinati e proseguiti nel modo più uniforme possibile i programmi di misurazione dei ghiacciai esistenti in regione, dall’altro i dati dettagliati misurati direttamente sui singoli ghiacciai verranno combinati con moderni dati di telerilevamento relativi a tutti i ghiacciai dell’area di indagine, in modo da ottenere un quadro completo dei cambiamenti attuali dei ghiacciai.

Avanzamento

In base alle informazioni fornite dal sito opencoesione.com, il progetto sembra essere in ritardo in quanto rientrante nella programmazione 2014-2020. Inoltre, anche lo stato della rendicontazione economica sembra mostrare un notevole rallentamento della spesa perché solo il 34% risulta effettuato. Dagli incontri effettuati sia con la Ripartizione Europa della Provincia di Bolzano, organo di controllo locale, e sia con l'Agenzia provinciale della protezione civile, uno dei beneficiari del progetto, risulta che in realtà il termine del progetto è stato posticipato a giugno del 2021, a motivo dello slittamento di alcune operazioni a causa del corona virus; ed inoltre, è stato fatto presente che il periodo di programmazione viene esteso di prassi di ulteriori due anni, pertanto la conclusione del progetto rientra nella tempistica stimata. Per quanto concerne la spesa rendicontata, ad oggi circa il 90% dei fondi risulta speso ma la rendicontazione dovrà essere ultimata nei prossimi mesi. Secondo gli intervistati, il progetto dovrebbe impiegare completamente le cifre preventivate.

Risultati

Intervento molto utile ed efficace - Gli aspetti positivi prevalgono ed è giudicato complessivamente efficace dal punto di vista dell'utente finale

Il progetto non è ufficialmente ancora terminato però i beneficiari ci hanno comunicato che sono a disposizione i risultati delle osservazioni del monitoraggio e delle misurazioni effettuate. Il metodo e le procedure di lavoro per il monitoraggio risultano essere ultimate.

Punti di debolezza

La non armonizzazione nelle procedure amministrative/contabili (differenza di IVA, procedure nella definizione dei contratti pubblici, ecc.) tra i due Paesi coinvolti, Austria e Italia. Inoltre c'è stato qualche ritardo nella comunicazione dei dati.

Punti di forza

I punti di forza di questo progetto secondo noi sono:

l’acqua è una fonte vitale per il pianeta, per gli animali, e per noi essere umani. Questo progetto una volta concluso ci descrive un quadro completo dello stato di “salute” dei ghiacciai, una delle principali fonti di riserva d’acqua per il nostro Pianeta.

Lo “stato di buona salute” dei ghiacciai non è solo una fonte primaria per l’acqua, ma anche un’attrazione turistica infatti, molti alpinisti scelgono di scalare vette di ghiacciai. Oppure il turismo invernale, quale lo sci. In passato si poteva sciare anche in estate sul ghiaccio, ora per salvaguardarli su alcuni ghiacciai a quote non troppo elevate non è più possibile. Quindi senza ghiacciai le fonti di reddito anche per i turismo invernale potrebbero diminuire.

Rischi

I rischi futuri per il progetto non sono presenti perché il progetto è in fase di conclusione.

Soluzioni e Idee

Dopo aver intervistato gli esperti del progetto, ci è stato comunicato che il progetto è in fase di conclusione pertanto riteniamo di non dover proporre soluzione o idee particolari.

L'INDAGINE

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Raccolta di informazioni via web
  • Intervista con l'Autorità di Gestione del Programma
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)

- DOTT.SSA Martha Gaerber, DOTT.SSA Silvia Gadotti, DOTT. Paolo Barbiero, DOTT.ESS Scarizuola Judith ( Organo di controllo: RIPARTIZONE EUROPA PROV. AUTONOMA BZ)
- DOTT. Roberto Dinale (AGENZIA PROTEZIONE CIVILE BOLZANO UFFICIO IDROLOGIA e DIGHE PROV. BZ- BENEFICIARIO)
- DOTT. RICCARDO BARELLA (EURACH TECNICO DEL SOGGETTO ATTUATORE)

Domande principali

1. Cosa viene effettuato nel vostro monitoraggio/controllo?
2. Esiste un evento finale che sancirà la fine del progetto?

Risposte principali

1) INTERREG: “Forniamo informazioni e supporto ai vari enti. Svolgiamo controlli periodici e sull’utilizzo dei fondi. Elaboriamo la pianificazione. Principalmente svolgiamo la parte amministrativa del progetto.”
Dr. Dinale, Protezione Civile: “Svolgiamo i metodi analitici per raccogliere i dati ed elaborarli. Analisi in tempo reale ci permette di affrontare situazioni di dinamicità e scarsità idrica. Tecnicamente conciliamo un approccio sul campo tradizionale e uno piè tecnologico, ottimizzando le risorse e delimitando le priorità. Collaboriamo con altri centri di competenza e facciamo sensibilizzazione sul sito del progetto”
2) INTERREG: “di solito è previsto un webinar oppure una conferenza, ma dobbiamo ancora verificare se sarà possibile concludere il progetto con un particolare evento. Alla fine di un progetto viene sempre svolta un’iniziativa, i vari project partners hanno l’obbligo di comunicare i risultati finali del progetto.”
Dr. Dinale, Protezione Civile: “con questo progetto abbiamo già fatto numerosi eventi e siamo riusciti a mantenerli vivi nonostante il Covid. Nel caso specifico faremo un evento finale, ma non è ancora deciso in che forma si svolgerà a causa della situazione critica. Nel 2019 abbiamo fatto un evento in Val d’Ultimo sul ghiacciaio di Fontana Bianca per richiamare l’attenzione, e costituiva in una escursione chiamata l’esaurimento della Fontana Bianca appunto perché il ghiacciaio si sta esaurendo”