REPORT DI MONITORAGGIO CIVICO
Metropolitana Leggera: ammodernamento del trasporto pubblico urbano per una mobilità integrata sostenibile

Inviato il 22/02/2022 | Di 3bafm | @_greenunderus_

Cosa abbiamo scoperto

Descrizione

Il progetto che vogliamo monitorare riguarda opere di rifinitura e miglioramento della Metropolitana di Brescia che è stata inaugurata nel 2013 e, a distanza di 9 anni, necessità di queste opere per rendere un servizio qualitativamente migliore e rispondere alle nuove esigenze di sostenibilità. I finanziamenti rientrano nel Piano FSC Infrastrutture che si pone l'obiettivo di un trasporto sostenibile urbano supportando infrastrutture di mobilità integrata e sostenibile. Il Progetto è stato attuato in convenzione con il Ministero dei Trasporti, ente programmatore, ed è stato approvato con delibera CIPE N.54/2016. L'ente beneficiario è il Comune di Brescia mentre L'ente attuatore è Brescia Infrastrutture, società partecipata al 100% del Comune di Brescia, che è l'ente attuatore del progetto e gestore del servizio della Metropolitana.
Infatti le opere finanziate sono riferibili a tre ambiti:
- Sub1a - copertura scale di accesso (integrazione contributo) con l'obiettivo di maggiore confort e sicurezza;
- Sub 1b - sistema di videosorveglianza in tempo reale con l'obiettivo di rafforzare la sicurezza dell'Infrastruttura per gli utenti; si tratta del sistema Train-to-Ground che sarà installato su tutta la linea per 14 Km;
- Sub 1c - parzializzazione utilizzo luci che permetterà di gestire accensioni e spegnimenti al fine di raggiungere una maggiore efficienza energetica.
L'intervento dunque vuole rendere ancora più moderno, funzionale, fruibile e sostenibile il servizio della Metropolitana che rappresenta un asse importante del trasporto urbano integrato della Città.

L'intervento specifico infatti si inserisce in una progettualità iniziata molti anni per rendere Brescia una città vivibile sia da un punto di vista ambientale sia dal punto di vista della fruizione di servizi, limitando o riducendo i problemi di inquinamento e di congestione del Traffico. Pertanto il Progetto specifico completa e innova il progetto iniziale della costruzione della Metropolitana, garantendo una manutenzione e implementazione delle infrastrutture e dei servizi. Ma, come confermato dall'Assessore alla Mobilità Federico Manzoni, i progetti futuri della mobilità bresciano prevedono lo sviluppo di una mobilità "dolce" (pedonale, ciclabile e priva di barriere architettoniche), l'integrazione del trasporto pubblico con linee di tram che garantiscano standard di servizio uguale per tutte le zone urbane e lo sviluppo strategico del connubio Metropolitana- Ferrovie poichè Brescia rappresenta un Nodo importante dove Metropolitana, Alta velocità e linee regionali si intrecciano. Tutti questi piano potranno portare alla città opportunità di sviluppo integrato e sostenibile.

Avanzamento

Il Progetto finanziato è ancora in corso anche se la data prevista di fine lavori era fissata al 31/12/2021. Come confermato dal Dott. Brenca, funzionario responsabile del progetto per Brescia Infrastutture, a causa della pandemia vi sono stati rallentamenti nella realizzazione finale del progetto e pertanto la sua conclusione è stata fissata al 31/12/22. In realtà, sottolinea lo stesso Dott. Brenca, lo stato di avanzamento dei lavori ha raggiunto quasi il 50%, come fornito dal monitoraggio bimestrale che viene fatto dalla società: probabilmente a causa di sfasamenti nell'aggiornamento dei dati, sul sito di Open coesione invece esso risulta attuato solo al 28%.
L’erogazione dei fondi avviene in relazione dello stato di avanzamento dei lavori (con cadenza bimestrale, sulla base dei costi effettivamente sostenuti inseriti su una banca dati unitaria, gestita dal MEF (Ministero dell’Economia e finanza) – RGS (Ragioneria Generale dello Stato) e IGRUE (Ispettorato generale per i rapporti finanziari con l’Unione Europea). I dati sono ineriti nel sistema unitario di monitoraggio «SMU»

Risultati

Intervento molto utile ed efficace - Gli aspetti positivi prevalgono ed è giudicato complessivamente efficace dal punto di vista dell'utente finale

In particolare lo stato di avanzamento e realizzazione dei tre interventi è il seguente:
- copertura scale: già realizzato, era un finanziamento a integrazione di un precedente i contributi (Del Cipe 100/2012).
- impianto di videosorveglianza in fase di realizzazione e coperto interamente con fondi FSC;
- parzializzazione impianto illuminazione delle stazioni: in fase di realizzazione.
Il risultato degli interventi al momento è apprezzabile con impatto positivo rispetto agli obiettivi: infatti gli interventi di ammodernamento hanno ottenuto un maggior grado di sicurezza per gli utenti (copertura scale e videosorveglianza in particolare) abbinata a una maggiore sostenibilità. Infatti la copertura delle scale ha installato sulla parte alta gli impianti fotovoltaici che producono energia elettrica mentre l'intervento di illuminazione è volto a implementare l'efficienza energetica della struttura stessa.
l'indagine statistica realizzata tra gli utenti della Metropolitana hanno evidenziato una grado di soddisfazione buono e un apprezzamento per gli interventi di miglioramento effettuati o in fase di realizzazione come si può vedere dalla rielaborazione dati allegata.

Punti di debolezza

La pandemia ha rallentato la sua realizzazione ma questo non è imputabile agli enti interessati

Punti di forza

- L'intento di ammodernamento della città attraverso la mobilità integrata sostenibile
- l'attenzione alla persona nell'offrire un servizio efficiente, sicuro e inclusivo
- il progetto ha una visione prospettica al futuro della città
- il grado di soddisfazione degli utenti è buono sia per il servizio in generale che per lo specifico intervento

Rischi

Non si riscontrano rischi evidenti nella conclusione del progetto nei tempi ridefiniti

Soluzioni e Idee

- Ampliare le tratte della Metropolitana se possibile oppure potenziare l'integrazione Metro/Tram (come anticipato dall'Assessore alla Mobilità)
- potenziare i parcheggi scambiatori per favorire l'uso della metropolitana anche dai pendolari non residenti, garantendo l'accesso gratuito ai parcheggi (comunque nei piani del Comune)
- prevedere tariffe agevolate o gratuità per categorie di utenti (studenti, lavoratori)

Metodo di indagine

Come sono state raccolte le informazioni?

  • Visita diretta documentata da foto e video
  • Intervista con gli utenti/beneficiari dell'intervento
  • Intervista con i soggetti che hanno o stanno attuando l'intervento (attuatore o realizzatore)
  • Intervista con i referenti politici

Dott. Federico Manzoni - Assessore alla mobilità del Comune di Brescia
Dott. Gabriele Maria Brenca - U.O. Appalti e Contratti e finanziamenti statali
Cittadini e utenti del servizio della Metropolitana

Domande principali

1. Perché è stata presentata la richiesta di finanziamento per questo progetto? Quali risultati volete raggiungere? E quali avete già raggiunto sia in termini tecnici di realizzazione sia in relazione alla mobilità sostenibile della città?
2. il Progetto fa parte dell’asse tematico del trasporto pubblico sostenibile. Ci può spiegare
come il progetto della Metropolitana e, in particolare, questo intervento può contribuire a
migliorare la sostenibilità e realizzare il goal 11 dell’agenda 2030 (“rendere le città inclusive,
sicure e sostenibili”)?

Risposte principali

Il progetto di ammodernamento vuole rendere il servizio urbano della Metropolitana più funzionale, sicuro e sostenibile perchè, a distanza di 9 anni, dall'inizio del funzionamento dell'Infrastruttura, era necessario adeguarla alle nuove esigenze. La Metropolitana rappresenta infatti un elemento chiave per una mobilità integrata per Brescia, città che mediamente registra fino a 400.000 presenze su circa 200.000 residenti. Brescia è infatti una città con poli universitari e servizi che attirano circa 25.000 studenti (19- 25 anni) e tantissimi lavoratori dei settori commerciali, dei poli produttivi e delle strutture sanitarie. Pertanto è necessario un sistema integrato di mobilità che possa garantire un servizio di qualità per portare gli utenti a un uso frequente del trasporto urbano, alleggerendo il traffico su ruota. L'Assessore Manzoni ha prospettato infatti anche il piano futuro di sviluppo della mobilità urbana su tre assi: mobilità dolce, integrazione Metro/Tram e sinergia Metro/Ferrovia. Questi interventi coordinati potranno aiutare a raggiungere anche l'obiettivo di sostenibilità del Goal 11: le azioni di sensibilizzazione passano anche attraverso il coinvolgimento diretto dei cittadini, residenti e tutti gli stakeholders che sono stati ascoltati e sollecitati a collaborare a proposte di sviluppo e miglioramento del servizio pubblico urbano.